what is unbounce
CATEGORY
DID YOU KNOW WE HAVE A PODCAST?

Become a Better Marketer. Anytime, Anywhere.

Listen and learn on the go with Unbounce’s Call to Action marketing podcast. Tune in and get inspired in the car, while you cook, or at the gym.

4 Suggerimenti per una migliore User Experience sulle tue Landing Page

new waiter
Siete in grado di offrire un’esperienza utente ottimale sulle vostre pagine di destinazione? Immagine di Joachim S. Müller tramite Flickr.

Nel vostro ruolo di operatori di marketing dovete far capire ai potenziali clienti che li capite e che per voi sono importanti.

Il modo migliore per farlo consiste nel garantire loro un’esperienza utente ottimale sulla vostra pagina di destinazione. Se non riuscite in questo intento, ovvero se non riuscite a sintonizzarvi con gli obiettivi dei vostri potenziali clienti, permettendo loro di ottenere facilmente quello che vogliono, le conversioni ne risentiranno.

Nel nostro ultimo episodio di Page Fights, agli esperti abituali Oli Gardner e Peep Laja si è aggiunto l’esperto ospite Noah Kagan di AppSumo per stroncare 10 pagine di destinazione inviate dagli utenti.

Durante il processo, gli esperti hanno individuato innumerevoli errori comuni che hanno un impatto negativo sull’esperienza utente (e probabilmente anche sulle conversioni).

Potete guardare l’intero episodio qui:

Oppure, se siete a corto di tempo ma desiderate comunque sapere come assicurare un’esperienza utente eccezionale, continuate a leggere per scoprire le quattro principali tattiche di ottimizzazione della pagina di destinazione da essi illustrate.

1. Non dimenticate gli utenti di dispositivi mobili

Noah ha ricordato agli spettatori che oggi gran parte del traffico sulle pagine di destinazioni proviene da dispositivi mobili.

I potenziali clienti si troveranno a interagire con le vostre pagine di destinazione su tutti i tipi di dispositivi e in tutti i tipi di ambienti. Se l’esperienza della vostra pagina di destinazione è pessima in ambiente mobile, i vostri potenziali clienti la abbandoneranno.

Per verificare rapidamente quanto è soddisfacente l’esperienza mobile, Noah ha suggerito di aprire la pagina di destinazione su un desktop e di ridurre la finestra fino a raggiungere le dimensioni dello schermo di un dispositivo mobile.

Quando gli esperti hanno condotto questo test per la pagina di destinazione di Above Average Grade Level (riportata di seguito), hanno scoperto che non è adatta a un dispositivo mobile. Confrontate la visualizzazione su desktop normale (a sinistra) con la versione mobile (a destra):

combined-landing
La pagina di destinazione di Above Average Grade Level veniva visualizzata in modo soddisfacente su un desktop (a sinistra), ma nella versione mobile (a destra), molti elementi essenziali risultavano troncati.

Questo genera non soltanto un’esperienza utente scadente, ma taglia alcuni elementi essenziali sulla pagina: l’invito all’azione, il social proof e il titolo.

Gli utenti sono pertanto costretti a scorrere avanti e indietro sulla pagina di destinazione per visualizzare le informazioni di cui hanno bisogno, il che genera una certa resistenza. Se vi è mai capitato di fare fatica a leggere una pagina molto grande sul dispositivo mobile, sapete esattamente che cosa intendo. Si ha l’impressione di un ostacolo insormontabile e l’esperienza è frustrante. Questa situazione induce i potenziali clienti ad abbandonare la pagina.

Per riuscire a creare un’esperienza utente eccezionale e senza resistenze, le vostre pagine di destinazione devono essere ottimizzate per i dispositivi mobili. A tal fine, gli esperti hanno illustrato alcuni semplici suggerimenti:

  • Noah ha consigliato di eliminare dalla pagina tutti gli elementi superflui per avere una pagina breve e concisa.
  • Gli esperti si sono dichiarati favorevoli all’idea di mantenere l’invito all’azione above the fold sul maggior numero possibile di dispositivi.

Suggerimento extra: se volete un altro buon motivo per ottimizzare tutte le vostre pagine per il mobile, il moderatore di Page Fights Tommy Walker ha segnalato che Google di recente ha introdotto un tag ottimizzato per i dispositivi mobili nell’algoritmo per la determinazione del ranking nei risultati di ricerca.

Che cosa significa questo per le pagine di destinazione? Se non riuscite a ottimizzarle per i dispositivi mobili, potreste rimanere penalizzati da Google e veder finire la vostra pagina in posizioni più basse nei risultati di ricerca.

Prima di lanciare la vostra prossima pagina di destinazione, verificate se è ottimizzata per i dispositivi mobili incollando l’URL della pagina qui.

2. Parlate del vostro potenziale cliente, non della vostra azienda

Se siete intenzionati a offrire un’esperienza utente straordinaria, dovete trasmettere il messaggio giusto al momento giusto.

I titoli e il testo rappresentano il mezzo per comunicare la vostra proposta di valore esclusiva e definiscono il tono e l’atmosfera della vostra pagina. Come hanno spiegato Noah e Peep, dovete assicurarvi che il linguaggio utilizzato sia "umano" e si rivolga direttamente ai potenziali clienti.

Che cosa intendono dire esattamente?

Prendiamo ad esempio la pagina di destinazione di Polis:

polis
Fate clic per visualizzare l’immagine a grandezza naturale.

Noah ha criticato il titolo perché non si rivolge direttamente al potenziale cliente. Ha spiegato che dovreste fare in modo che i potenziali clienti abbiano la sensazione di parlare con un altro essere umano, non con qualcuno che blatera nel gergo tipico della gestione aziendale.

Noah ha suggerito un altro titolo che, secondo lui, poteva comunicare la proposta di valore esclusiva in modo veramente incisivo nei confronti dei potenziali clienti:

I can get you twice as many comments per day (Posso farti ricevere il doppio dei commenti ogni giorno)

La formulazione di questo nuovo titolo è più colloquiale e meno anonima. Ma l’aspetto più importante è che, invece di parlare semplicemente dell’azienda, riguarda un argomento che interessa veramente i potenziali clienti: che cos’hanno da guadagnare registrandosi.

[Tweet "Non fate come l’autore di quel titolo. Parlate dei vostri potenziali clienti sulla pagina di destinazione, non della vostra azienda".]

A differenza della pagina di destinazione di Polis, secondo Oli Giftip è riuscita a rivolgersi direttamente ai suoi potenziali clienti in modo efficacie. Il suo titolo coglie in pieno l’argomento sia trasmettendo la proposta di valore esclusiva sia spiegando chiaramente che l’azienda è in grado di risolvere il problema dei suoi potenziali clienti.

giftip
Fate clic per visualizzare l’immagine a grandezza naturale.

A parte questo, Oli ha osservato che i sottotitoli presentavano margini di miglioramento:

sub-heads

Come ha spiegato, i sottotitoli devono essere formulati in modo autonomo, ovvero devono essere in grado sia di comunicare la proposta di valore sia di avere un senso compiuto anche se isolati dal contesto.

Suggerimento extra: prima ancora di dedicarsi al layout o al design della pagina di destinazione, Oli e Noah hanno consigliato di scrivere dapprima il testo, assicurandosi che parli del chi, che cosa, perché e come.

La formulazione per prima cosa del testo delle pagine di destinazione vi aiuterà a scrivere un testo che si rivolge direttamente al cliente potenziale e parla delle sue esigenze, anziché della vostra azienda.

3. Assicuratevi di rispondere a tutte le domande dei potenziali clienti

Quando i potenziali clienti arrivano sulla vostra pagina, hanno domande pressanti per le quali si aspettano delle risposte.

Per creare un’esperienza utente completa, dovete rispondere a ogni singola domanda.

Ma non dovete necessariamente creare una pagina di destinazione lunga e invadente. Considerate la pagina di Carcoin:

rsz_image07
Fate clic per visualizzare l’immagine a grandezza naturale.

Poiché la vendita di un’auto è una decisione importante, i potenziali clienti avranno comprensibilmente innumerevoli domande sul servizio di Carcoin.

Anziché confondere i visitatori con una lunga pagina di destinazione occupata da un interminabile blocco di testo, hanno optato per un video esplicativo per rispondere ad alcune di queste domande e mantenere un layout minimale per la pagina di destinazione.

Peep ha comunicato un’importante statistica che dovete tenere presente quando inserite video esplicativi nelle vostre pagine di destinazione: soltanto il 10% circa dei visitatori guarderà l’intero video della pagina di destinazione dall’inizio alla fine.

Per questo motivo, è essenziale che sia la pagina di destinazione sia il video esplicativo comunichino la vostra proposta di valore esclusiva.

[Tweet "Sulla pagina di destinazione, utilizzate un video per integrare il testo, non viceversa. @peeplaja"]

Suggerimento extra: ricordatevi che non potete verosimilmente prevedere tutto quello che i potenziali clienti vorranno sapere.

Per i prodotti e i servizi che richiedono un impegno importante da parte del cliente, Noah ha consigliato di predisporre livelli aggiuntivi di assistenza, ad esempio una chat live e un numero di telefono click-to-call.

Se offrite ai potenziali clienti la possibilità di porre domande, dimostrate loro che la vostra azienda si impegna a fornire un’assistenza ottimale ai clienti e, al contempo, vi procurate un’opportunità in più per rispondere alle loro obiezioni.

4. Non tralasciate alcuna informazione

A prescindere dall’obiettivo della vostra pagina di destinazione, dovete aiutare i potenziali clienti a prendere una decisione.

Se la pagina di destinazione non fornisce loro tutte le informazioni di cui hanno bisogno per prendere una decisione, si sentiranno frustrati e abbandoneranno la pagina.

Date un’occhiata alla pagina di destinazione di Score Revolution, che invita i potenziali clienti a scoprire i brani musicali di Danny Elfman e ad acquistare la licenza per utilizzarli.

rsz_image03
Fate clic per visualizzare l’immagine a grandezza naturale.

Peep ha criticato questa pagina perché chiede ai potenziali clienti di inserire il nome e l’indirizzo email per accedere alle colonne sonore. Senza la possibilità di ascoltare in anteprima parti di brani musicali, come fanno gli utenti a sapere se quella musica gli piace? Come ha detto Peep: "Fatemi sentire la musica!".

Nell’ambito dell’ottimizzazione della pagina di destinazione, non potete impedire le cose solo per il gusto di farlo. Per invogliare i visitatori a realizzare una conversione, dovete dare qualcosa.

[Tweet "Se la pagina di destinazione non offre valore, perché dovrei pensare che la vostra azienda sarà in grado di offrirlo dopo che mi registro?"]

In questa pagina di Trumpia si osserva un errore simile:

rsz_image04
Fate clic per visualizzare l’immagine a grandezza naturale.

Gli esperti hanno fatto notare che Trumpia omette un’informazione molto importante sulla sua pagina di destinazione: le informazioni sui prezzi.

Questo pone un problema perché spesso gli utenti arrivano sulla vostra pagina con una determinata fascia di prezzi in mente. Gli esperti hanno spiegato che se i potenziali clienti non ricevono le informazioni di cui hanno bisogno per valutare se la vostra offerta rientra nel loro budget, si sentono frustrati. Inoltre, tale carenza può rivelarsi letale ai fini delle conversioni.

La vostra pagina di destinazione deve fornire un’esperienza utente eccezionale

Per poter assicurare un’esperienza utente eccezionale, dovete considerare il percorso affrontato dal potenziale cliente dall’inizio alla fine e fargli capire che ci tenete a lui.

Se i potenziali clienti percepiscono che non avete a cuore i loro interessi, si rivolgeranno a qualcun altro per ottenere ciò che vogliono, lasciandovi con un tasso di conversione alquanto penoso.

Per riepilogare, ecco quattro suggerimenti per assicurare esperienze eccezionali sulla pagina di destinazione:

  • Ricordatevi degli utenti di dispositivi mobili. Ottimizzate le pagine di destinazione per il maggior numero possibile di dispositivi.
  • Non parlate della vostra azienda. Il vostro potenziale cliente non vuole leggere informazioni sulla vostra azienda e su quanto siete bravi. Sottolineate come il vostro prodotto o servizio lo aiuterà a risolvere il suo problema.
  • Assicuratevi di rispondere a tutte le domande dei vostri potenziali clienti. Cercate di prevedere le domande che i vostri potenziali clienti potrebbero porvi e fate il possibile per rispondere sulla vostra pagina di destinazione: nel testo, con un video esplicativo o aggiungendo un widget della chat o click-to-call.
  • Non tralasciate alcuna informazione. I vostri potenziali clienti si affidano a voi per ricevere tutte le informazioni di cui hanno bisogno per prendere una decisione. Dimostrate il vostro valore direttamente sulla pagina di destinazione. E non costringeteli a fornirvi l’indirizzo email per conoscere i vostri prezzi.

E voi, quali altre tattiche utilizzate per assicurare esperienze eccezionali ai vostri potenziali clienti quando visitano le vostre pagine di destinazione?

— Derek Moryson


new waiter

default author image
About Derek Moryson
Derek is Unbounce's Content Marketing Fellow. A former marketing strategist and project manager, he now spends his days creating and curating great content. Follow him on Twitter @derek_mory.
» More blog posts by
Comments